7548 musicisti per l’orchestra più grande del mondo a Francoforte 0 388

I grandi numeri hanno da sempre attratto l’attenzione del variegato pubblico del web. Da giorni, il palcoscenico dello schermo è occupato dalla spettacolare esibizione di 7548 musicisti presso la Commerzbank Arena di Francoforte.

La mente dietro questo colossale progetto è quella del trombettista Jens Illemann che, durante un’intervista presso un ente televisivo tedesco, ha affermato di “aver voluto dimostrare quando sia importante la musica e come sia capace di avvicinare le persone”. L’enorme orchestra, ha eseguito la Sinfonia n. 9 in mi minore op. 95 del compositore ceco Antonìn Dvorak, la nona di Beethoven e alcuni brani dal repertorio leggero di Andrew Lloyd Webber e John Miles, occupando l’intero campo e parte degli spalti dello stadio.

Per l’immane quantitativo di artisti impegnati nell’impresa, l’organizzazione dell’evento ha dovuto elevare su un palco di 16 metri il maestro direttore dell’orchestra per incrementare la sua visibilità anche nelle retrovie, servendosi nell’impresa anche di un maxi schermo montato alle sue spalle.

L’ esibizione è durata più di quarantacinque minuti, battendo per durata – oltre che per entità numerica – il precedente Guinness world record, segnato nel 2013 nella cittadina di Brisbane, con 7.224 musicisti messi insieme dal Queensland Music Festival.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

“Artico”, il nuovo disco del Progetto Elysium salva i ghiacciai del Polo Nord 0 836

È in atto una spaventosa guerra che pochi super-ricchi hanno scatenato contro l’umanità e contro il Pianeta Terra, e lo stanno distruggendo. I ghiacci antichi del Polo Nord, miliardi d tonnellate di ghiaccio, si sono sciolti. La situazione è catastrofica: il Polo Nord si è sciolto completamente, si forma un sottile strato di ghiaccio invernale che d’estate si scioglie; miliardi di tonnellate di ghiaccio antico, che erano lì da migliaia di anni, non esistono più. Erano felici le multinazionali perché adesso risparmiano: invece di fare il giro largo ora possono passare là dove prima c’era il ghiaccio. Dementi, gente fuori testa, ma l’essere umano non è tanto diverso perché la sua vita è completamente disancorata dalla realtà.”. Sono le parole di Pier Giorgio Caria, ricercatore e documentarista italiano. Ed è anche da queste parole che nasce la nuova iniziativa del progetto Elysium, “Artico”. Ma andiamo per ordine.

Promosso dai progetti culturali Elysium e Adonai, insieme al Network Nuova Civiltà, alla piattaforma d’informazione musicale online Blunote Music ed al presidio culturale permanente denominato T.I.S.I.A. (Tecnologia, Innovazione, Scienza, Insolito, Arte) operativo nella città di Modugno, il Progetto Elysium si accinge a realizzare progetti musicali/sociali, finalizzati alle raccolte di fondi da destinare alle diverse cause che man mano verranno prese a cuore dal progetto stesso, promuovendone la vendita dei dischi a livello locale, sul territorio nazionale e finanche all’estero.

 

Un progetto già avviato da mesi, che ha visto la sua prima pubblicazione venire alla luce ad Aprile di quest’anno, col disco “Elysium: Artisti Uniti”, alla cui promozione hanno partecipato anche le associazioni Avis e Le Mani Tese Onlus una raccolta del meglio dell’underground italiano, volto alla realizzazione di un progetto di carattere ludico-sportivo-ricreativo, al fine di favorire la miglior permanenza nei reparti di oncoematologia pediatrica e neuropsichiatria infantile del Policlinico di Bari e di aumentare l’efficacia delle terapie e delle cure fornite ai piccoli degenti, rendendo quindi più proficuo il lavoro dei medici nella prestazione delle cure.

Un viaggio suggestivo, carico di sensazioni ed emozioni tanto eterogenee quanto vivide; un percorso esplorativo alla scoperta della periferia musicale italiana, delle sue realtà meno conosciute e delle novità più interessanti. Un disco che è dimostrazione, ancora una volta, di quanto la diversità e la varietà di generi siano la vera ricchezza della musica e di come, talent musicali e playlist di Spotify a parte, in Italia ci sia ancora chi si impegna nel fare musica in maniera autentica. Tutto sta nel volerlo scoprire.”, lo descrive così Francesco Carrieri in una recensione per Blunote Music, ad evidenziarne le qualità musicali mai scontate quando si tratta di progetti simili; perché il fine ultimo del Porgetto Elysium sarà anche raccogliere fondi per le più svariate cause, ma questo non significa certo trascurare la qualità musicale offerta al pubblico, sempre in cerca di novità che la radio normalmente non propone.

La copertina di “Artico” in anteprima per Blunote Music

Ma è con la prossima iniziativa di cui accennato all’inizio dell’articolo che il Progetto Elysium cerca la conferma di una buona riuscita del piano: “Artico”, una raccolta di quattro EP da cinque canzoni l’uno in un unico disco, si pone l’obbiettivo di raccogliere fondi da destinare alle attività di salvaguardia dei ghiacciai al Polo Nord. “Il Network Nuova Civilità, i progetti culturali Elysium/Adonai ed i gruppi musicali Aural Phaze featuring Fiordaligi, Form Follows, Nine Eight Central e Phoenix And The Oracle dedicano questo CD a tutti gli attivisti di Greenpeace che, attraverso l’iniziativa “Save The Arctic”, si battono ogni giorno per la salvaguardia del Polo Nord e per la realizzazione di un Santuario Globale, indispensabile per la sopravvivenza del Pianeta Terra e di tutti gli esseri viventi che lo abitano.”. Lo descrive così Massimo Lombardo, principale referente del Progetto Elysium.

La speranza è che le iniziative promosse dall’universo Elysium possano replicare i successi ottenuti da altri progetti musicali/sociali, come quello dei Rezophonic, citandone il più famoso, divenendo una costante delle classifiche italiane e issando in alto i valori etici di cui il progetto si fa promotore.

 

Per pre-ordinare il disco o per informazioni utili all’acquisto futuro contattare la pagina Facebook di Blunote Music.

Medimex, oltre Placebo e Kraftwerk anche Nitro, E Green e Dj Gruff 0 799

È stata completata la line-up del Medimex, l’International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds che si terrà a Taranto dal 7 al 10 giugno. Agli annunciati headliner Kraftwerk, Placebo si aggiunge Nitro, mentre Metá MetáRoni SizeCasino RoyaleRoy PaciCanzoniere Grecanico SalentinoE GreenFido Guido, ZakaliciousDaddy GDj GruffGianluca Petrella e Mangaboo sono gli artisti selezionati attraverso un avviso pubblico rivolto ad operatori italiani e internazionali.

«Con la programmazione live chiudiamo un segmento importante del Medimex, che offrirà a Taranto un cartellone di livello internazionale che sta già intercettando pubblico e turisti da tutta Italia e accenderà i riflettori su una delle città più belle del nostro Paese», ha affermato Loredana Capone, ’Assessore alle Industrie Turistiche e Culturali della Regione Puglia.

«Anche quest’anno i live del Medimex dialogano in modo trasversale con più generazioni e con appassionati di vari generi musicali», dichiara il coordinatore di Puglia Sounds/Medimex, Cesare Veronico. «La programmazione, fatta eccezione per gli headliner, è frutto di un avviso pubblico al quale hanno risposto con straordinaria partecipazione operatori pugliesi, italiani ed internazionali ai quali va il mio ringraziamento per aver collaborato alla definizione della line-up».

La tre giorni completa del Medimex inizierà giovedì 7 giugno sul main stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III, dove Roni Sine, dj e producer di origini giamaicane, aprirà le danze. Seguiranno, alle 21.55, Metà Metà, band di São Paulo, astro emergente brasiliano dalle sonorità jazz-rock. Solo alle 22.30 saliranno poi gli headliner del giorno in esclusiva italiana, i Kraftwerk, con il loro spettacolo tridimensionale che chiuderà la festa sulla Rotonda. Festa che proseguirà al Molo Sant’Eligio dove, a mezzanotte, il trombonista pugliere Gianluca Petrella, stella del jazz internazionale, verrà accompagnato da Dj Gruff in un’imperdibile esibizione con ingresso libero.

Il giorno dopo, Venerdì 8 giugno, sempre sul main stage della Rotonda del Lungomare Vittorio Emanuele III, il set di concerti verrà aperto alle ore 20.30 dai Casino Royale con il live CRX ispirato all’omonimo album del 1997. A seguire, ore 21.15, salirà sul palco Roy Paci, che farà da apripista all’atteso concerto dei Placebo. La band inglese ha già annunciato di voler portare live i migliori successi della band, “perchè è quello che il pubblico vuole sentire”. Come il giorno prima, anche Venerdì, a mezzanotte, ci si sposterà al Molo Sant’Eligio, per il set dalle sonorità house, tecno, soul e jazz del collettivo Mangaboo, anch’essa ad ingresso libero.

Sabato 9 giugno sarà invece la volta della Raffo Fest, serata ad ingresso gratuito promossa da Birra Raffo, main sponsor del Medimex 2018. Anch’essa avrò luogo alla Rotonda del Lungomare, a partire dalle ore 20:30, quando aprirà le danze Canzoniere Grecanico Salentino, per poi proseguire con il progetto “The Streets Have No Name” in collaborazione con il rapper colombiano E Green e i due esponenti di punta dell’hip-hop pugliese Fido Guido e Zakalicious. Il set sarà solo l’introduzione del live di Nitro, rapper italiano pluripremiato reduce dal suo ultimo disco, “No Comment”, la cui esibizione è prevista per le 22:30. A fine serata è previsto un dj set del membro storico dei Massive Attack, Daddy G.

Completano la programmazione tre appuntamenti dedicati ai giovani talenti al Molo Sant’Eligio. Venerdì 8 giugno, alle ore 20.30, è in programma la finale dello Sziget & Home Sound Fest 2018 dalla quale uscirà il vincitore che si esibirà ai festival di Budapest e di Treviso, mentre sabato 9 giugno, ore 20.30, si terrà la finale regionale del contest per band emergenti Rec&Play e si esibirà il vincitore del Gazzetta Musica Contest, concorso per la promozione di giovani talenti musicali promosso dal quotidiano la Gazzetta del Mezzogiorno.

Medimex è un progetto Puglia Sounds, il programma della Regione Puglia per lo sviluppo del sistema musicale regionale attuato con il Teatro Pubblico Pugliese nell’ambito del Fondo di Sviluppo e di Coesione 2014-2020 – Patto per la Puglia Area di Intervento IV “Turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali. www.pugliasounds.it

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: