7548 musicisti per l’orchestra più grande del mondo a Francoforte 0 337

I grandi numeri hanno da sempre attratto l’attenzione del variegato pubblico del web. Da giorni, il palcoscenico dello schermo è occupato dalla spettacolare esibizione di 7548 musicisti presso la Commerzbank Arena di Francoforte.

La mente dietro questo colossale progetto è quella del trombettista Jens Illemann che, durante un’intervista presso un ente televisivo tedesco, ha affermato di “aver voluto dimostrare quando sia importante la musica e come sia capace di avvicinare le persone”. L’enorme orchestra, ha eseguito la Sinfonia n. 9 in mi minore op. 95 del compositore ceco Antonìn Dvorak, la nona di Beethoven e alcuni brani dal repertorio leggero di Andrew Lloyd Webber e John Miles, occupando l’intero campo e parte degli spalti dello stadio.

Per l’immane quantitativo di artisti impegnati nell’impresa, l’organizzazione dell’evento ha dovuto elevare su un palco di 16 metri il maestro direttore dell’orchestra per incrementare la sua visibilità anche nelle retrovie, servendosi nell’impresa anche di un maxi schermo montato alle sue spalle.

L’ esibizione è durata più di quarantacinque minuti, battendo per durata – oltre che per entità numerica – il precedente Guinness world record, segnato nel 2013 nella cittadina di Brisbane, con 7.224 musicisti messi insieme dal Queensland Music Festival.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Mariblanca Armenteros, la regina della musica cubana a Taranto 0 397

La Puglia abbraccia Cuba e lo fa con una delle artiste più prestigiose a livello internazionale. Dopo aver calcato il palco del concerto del Capodanno tarantino, torna in riva allo Jonio la coinvolgente voce di Mariblanca Armenteros. Appuntamento all’insegna delle travolgenti note sudamericane con lo spettacolo “Cuba Linda” che si terrà sabato 14 aprile alle ore 21:00 nel teatro Tarentum in via Regina Elena 122 a Taranto.

UN PROGETTO IN TOUR PER L’ITALIA. Si tratta di una serata dal ritmo che affonda le radici nel più classico stile son cubano, con un repertorio di successi musicali interpretati dalla regina Mariblanca. Da Cuba Linda (colonna sonora del film Lost City), a Chan Chan dei Buena vista social Club, passando per Guantanamera di Joseito Fernandez e Quizas Quizas Quizas di Osvaldo Farrés.

Melodie conosciute in tutto il mondo capaci di raccontare una storia, un’emozione, il sentimento della gente. Un progetto musicale, denominato “Culture del mondo – Cuba la voce dell’America Latina” ideato e diretto dal produttore artistico Antonio Pizzolla, che punta a diffondere la cultura di una terra lontana, ma assolutamente vicina quando si entra in contatto con le prime note dei generi nati a Cuba come son, bolero, cha cha cha, fino ad arrivare al jazz diffusissimo nell’isola. Per una sera si vola oltre oceano alla scoperta degli autori cubani attraverso brani popolari e di facile ascolto. Una tradizione musicale che miscela la cultura africana, un’unione resa possibile sin da metà dell’Ottocento, dovuta alle vicende storiche che hanno caratterizzato la vita del Paese più conosciuto dei Caraibi.

Ad accompagnare Mariblanca Armenteros sul palco del Tarentum una formazione d’eccezione: Pippo Fumaroli al piano, Umberto Calentini al contrabbasso e Vito Giacovelli alle percussioni. Per il pubblico tarantino, la possibilità di gustare le melodie calde ed energetiche, ma allo stesso tempo dolci e rilassanti del vasto repertorio portato in tour per tutta l’Italia.

 

MARIBLANCA: CUORE DI CUBA. Nativa di Havana, la Armenteros studia nei migliori conservatori cubani con maestri d’eccezione. Nella sua brillante carriera vince un Egrem, il massimo premio discografico cubano. Fonda il gruppo Yanakuna e il trio Bellas Cubanas. Protagonista anche della televisione nazionale cubana, colleziona concerti in tutto il mondo e si esibisce insieme ad artisti del calibro di  Roberto Sanchez, Alfredo Martinez, José Valladares, Celina Gonzalez, Fefita Hernandez. Inoltre ha condiviso lo scenario con Zucchero nell’evento “Cuba canta l’Italia” trasmesso su Cuba Vision Internazionale. In alcune tournée al sud Italia, ha collaborato con l’Orchestra della Magna Grecia e la piccola Orchestra Sinfonica Mediterraneo.

INFO CONCERTO. Per assistere al concerto “Cuba Linda” è già aperta la prevendita dei biglietti. Per informazioni basta telefonare al numero 335.6258448 o seguire la pagina Facebook https://www.facebook.com/mariblancaarmenterosPaginaOficial/ per conoscere le novità sull’evento.

Sul web spuntano fantomatiche scalette, ma mai come oggi l’UnoMaggioTaranto è a rischio 0 2177

Sul web iniziano a circolare i primi nomi campati in aria probabili” per la scaletta dell’Uno Maggio Taranto, il concertone di protesta che, da ormai cinque anni (salvo l’anno scorso, quando saltò per evitare strumentalizzazioni in occasione delle elezioni), aiuta la città pugliese a denunciare – ed alleviare – i problemi che quotidianamente l’affliggono. Tra gli artisti papabili si citano Subsonica, Brunori e Marlene Kuntz. Tutti molto eccitati, tutto molto bello, se non fosse che, di questo passo, il concerto rischia seriamente di saltare.

Mancano infatti solo 13 giorni alla chiusura della campagna di crowdfunding indetta dal Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, organizzatore dell’evento, aperta ormai un mese e mezzo fa su Musicraiser; l’obbiettivo era quello di raggiungere 50mila euro, condizione sine qua non per la realizzazione dell’evento. Ad oggi, i soldi raccolti sono poco meno di 15mila euro – un misero 29% della somma richiesta, donata da 400 raisers. Un risultato raggelante, soprattutto se si pensa all’afflusso che un evento del genere comporta: quasi centomila persone si recano nella Città dei Due Mari per assistere al concerto autonomo ed autofinanziato. Di fronte a numeri del genere, quei 400 raisers paiono decisamente pochi.

Non staremo ora a sindacare sulle ragioni che portano un’intera cittadinanza a snobbare la richiesta d’aiuto di chi, anche rimettendoci soldi, porta all’attenzione dell’intero Paese le problematiche serissime che ostacolano la serenità di questa città, rendendola per un giorno protagonista, con accezione positiva, delle cronache nazionali. Appare però evidente che, per la riuscita dell’evento, bisogna sperare di raccogliere più del doppio di quello che è stato racimolato finora, in meno della metà del tempo disponibile. Quello che possiamo fare è esortare chiunque abbia a cuore questo concerto, questa città e queste tematiche, a donare anche il minimo, per provare a salvare l’evento musicale più importante del nostro territorio. La sfida è davvero ardua.

+++ AGGIORNAMENTO +++

Nella giornata di oggi il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti ha rilasciato un comunicato stampa dai suoi canali social, rassicurando tutti sulla realizzazione dell’evento nonostante il possibile mancato obbiettivo dei 50mila euro di Musicraiser, a cui comunque si aggiungeranno i soldi raccolti attraverso la vendita in sede del vino, delle magliette e del merchandising in generale.. All’interno del comunicato, oltre questo, si invita a non prestare attenzione alle succitate fantomatiche scalette e partecipazioni di artisti uscite in questi giorni, fino a quando non sarà il Comitato stesso ad annunciare la composizione artistica dell’evento. Di seguito il comunicato.

 

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: