Intervista a Dj Myke, “Hocus Pocus è ancora attuale, andava riproposto. Rancore&DjMyke? Non esistono…” 0 7259

Quel disco l’ho fatto per una questione artistica, di sangue. Adesso sentivo il bisogno di farlo riuscire, perché ci sono dei pezzi che continuano ad essere ascoltati, riscritti, quindi mi sono detto: rifamo Hocus Pocus e inseriamoci due inediti.

Dopo un susseguirsi di news, finalmente arriva il regalo di Natale per tanti cultori dell’Hip Hop: oggi 22 dicembre uscirà su tutte le piattaforme digitali la riedizione dello storico album di Dj Myke, Hocus Pocus, in versione Black Edition. L’album, che sancì il debutto solista del dj quattro volte vincitore del DMC Italy Championship, è una vera pietra miliare del rap italiano, e vede la partecipazione di nomi importanti della nuova e vecchia scuola Hip Hop come Rancore, Fabri Fibra, Noyz Narcos, Turi, Danno, Bassi Maestro, Tormento e tanti altri, quasi tutti presenti nella riedizione del 2017.
La novità di questa Black Edition sarà il formato in vinile (tiratura limitata in 300 copie) ordinabile sul sito di Kappa Distribution. Ma non solo: nella riedizione saranno infatti compresi due inediti, con la partecipazione di Viro, Claver Gold e Davide Shorty.
Noi sentivamo il bisogno di una chiacchierata sui motivi che hanno spinto Dj Myke a ripubblicare questo disco, così lo abbiamo contattato per un’intervista esclusiva davvero interessante che vi proponiamo qui di seguito. All’interno, tante curiosità sulla Black Edition, sugli inediti presenti e sulle collaborazioni future di quello che, a nostro parere, è il miglior producer e dj italiano.

Ciao Myke! Per iniziare, sappiamo che a breve uscirà la riedizione di Hocus Pocus, la Black Edition. Come mai hai voluto rimettere in circolo questo lavoro a distanza di sette anni dall’uscita, e quindi non aspettando i canonici dieci anni di anniversario?

Guarda, in realtà io ho aspettato dieci anni, visto che quando ho iniziato a lavorare su Hocus Pocus era il 2007 e ci ho messo tre anni per completarlo. Quindi la realtà è che sono i “miei” dieci anni, non quelli dall’uscita. La verità è che ho fatto questa riedizione perchè, in primis, quel disco sarebbe dovuto uscire in quel formato, visto il mio particolare attaccamento verso i vinili. E poi, con tutta la nuova ondata del rap “nuovo”, la gente che si è avvicinata negli ultimi anni a questo genere se l’è perso, quindi ho voluto riproporlo. Alcune cose di quel disco sono contemporanee, al di là delle etichette che può appiopparci la gente.”

Per altro, quando parliamo di Hocus Pocus, parliamo di una pietra miliare dell’Hip Hop, che vede la partecipazione di tantissimi artisti della vecchia e nuova scuola. Effettivamente è un peccato che molti se lo siano perso.

Guarda, ti ringrazio. Non me lo dico da solo perché non avrebbe senso. Quel disco l’ho fatto per una questione artistica, di sangue. Adesso sentivo il bisogno di farlo riuscire, perché ci sono dei pezzi che continuano ad essere ascoltati, riscritti, quindi mi sono detto: rifamo st’edizione e inseriamoci due inediti.

Ma infatti, c’è quel pezzo di Max Zanotti che se fosse uscito l’altro giorno avrebbe fatto il botto…

Mi hai tolto le parole di bocca. Ti stavo proprio per citare quel pezzo lì che, alla fine, per quanto si discosti per il cantato da tutto il resto dell’album – come anche quello di Diego Mancino, molto particolare – ha una magia difficilmente ripetibile. È un pezzo che se fosse uscito dieci anni fa, oggi o fra altri dieci anni, sarebbe stato indifferente.”

Parliamo un po’ dei due inediti che sono presenti nell’album. Uno dei due, “Presto”, con Viro, è stato estratto come anticipazione di questa Black Edition. Parlaci un po’ di questo brano.

Praticamente, la storia è abbastanza breve: Viro non lo conoscevo bene: è un artista emergente di vent’anni. Ha scaricato delle mie basi da SoundCloud, ci ha rappato sopra e me le ha mandate. Io sono rimasto colpito, ha avuto subito un forte impatto su di me. Pe’ essere un novizio è davvero talentuoso. Scrive molto bene, mi piacciono le sue visioni, la metrica… Ovviamente è migliorabile, come tutti e anche il sottoscritto. Avevo questa base, gli ho detto di provare a fare un pezzo. L’abbiamo riarrangiato un paio di volte, alla fine mi piaceva un sacco e ho detto “Beh, mettiamolo in Hocus Pocus”. Secondo me è una traccia che racchiude molto in sé l’ambiente e il sound dell’album.

Immagino anche l’emozione da parte di Viro che, da artista emergente, si trova un proprio pezzo in mezzo a nomi di ben altra caratura.

Sì, assolutamente. A mio parere ha iniziato molto bene, e ci saranno delle sorprese in futuro. Abbiamo in cantiere un altro paio di pezzi interessanti. Lui è in decollo, ha voglia di scrivere, di mettersi in gioco. Spigne forte! Poi, se inizia così, con questa mentalità e questo modo di scrivere, farà sicuramente bene in futuro. È difficile che un ventenne si discosti in questo modo dall’ondata che c’è stata. Lui, se posso usare un francesismo, se ne sbatte un po’ il cazzo del resto.”

Mentre per quanto riguarda l’altro inedito, è un pezzo con Claver Gold e Davide Shorty intitolato “Avvoltoi”…

Quella è stata una roba abbastanza inedita per tutti. Avevo questo beat che ha fatto un po’ il giro di parecchi artisti, ma non è mai uscito. Pensando a chi potesse valorizzarlo, ho contattato Claver e gli è piaciuto subito. Ha scritto ‘na figata che ho apprezzato molto. Il ritornello abbiamo deciso insieme che andava “scappato”, così insieme a Stefano Marvel Mex, che è la persona che mi ha aiutato a dare vita ad Hocus Pocus curando la parte grafica e burocratica, tra una cosa e l’altra abbiamo contattato Shorty, che ci ha messo tanto del suo, producendo ‘na roba molto interessante. A mio parere è proprio una bella traccia. Per ora stiamo lavorando su un video tutto d’animazione, un lavoraccio della madonna. Quando uscirà sarà una bella sorpresa: è una favola scura, col mio immaginario un po’ Tim Burtoniano, ma è uno spaccato di realtà: Claver scrive cose molto vere.”

Che Claver scrivesse cose vere ce lo ha dimostrato col suo ultimo album, Requiem. Pensi di portare live questa riedizione di Hocus Pocus?

Per il momento sto facendo qualche dj set in giro. Live del disco onestamente non lo so, per ora sto lavorando con Viro, poi si vedrà. Portare live Hocus Pocus, con tutta quella gente, diventa un po’ complicato…

Te lo chiedo apposta perché se avessi portato live Hocus Pocus avresti portato in giro una banda-

-‘Na banda de pirati! (Rdie, n.d.r.). L’ho fatto con la prima edizione, uscirono due date davvero belle. In generale si può pensare di fare qualche evento, ma un tour ha dei costi allucinanti e logisticamente è davvero impossibile. Poi, molte persone che stanno su quel disco adesso hanno fatto il botto grosso, quindi è ancora più complicato.

Per quanto riguarda progetti futuri, oltre Hocus Pocus, hai qualcosa in cantiere da volerci anticipare?

Guarda, io continuo a portare avanti il mio discorso sulla parte dello scratch. Per ora sono usciti i vinili 7’’, tools da dj con sample sopra, break e cazzi vari per lo scratch. Usciranno sicuramente altri battle break, adesso è uscito XMasCat in 7’’ vinile rosso e ne uscirà presto un altro. Per le produzioni rap, non ho grandi novità – o al momento non le voglio dì. Le uniche cose che posso dire è che sto lavorando su alcuni pezzi con Viro, come ho già detto, e il prossimo che uscirà è davvero molto particolare, ‘na stecca in faccia allucinante: la nostra discesa verso il buio.

Per chiudere, ti faccio una domanda che molti vorrebbero porti: ‘sta storia d’amore con Rancore è finita?

In realtà una storia d’amore non c’è mai stata, fondamentalmente sono etero e fidanzato. (Ride, n.d.r.) Comunque, avemo fatto tante cose belle con Rancore. Più che dire che ognuno ha preso la propria strada, la realtà è che noi eravamo Rancore & Dj Myke, non certo i – chessò – Colle der Fomento, che si separano e uno dice “moh, avete smesso!”. Noi non abbiamo smesso, io continuo a fare le mie cose, lui le sue. Eravamo Rancore & Dj Myke, ora siamo Rancore e Dj Myke. Se collaboreremo di nuovo non lo so. Quello che so è che i pezzi con Rancore mi vengono bene, e credo lo sappia anche lui. Punto. L’ultimo disco che è uscito, S.U.N.S.H.I.N.E., credo la gente debba ancora ascoltarselo bene, anche se sono solo cinque tracce. Rimane comunque una cosa attuale.”

Per altro, S.U.N.S.H.I.N.E. fu nominato dal Fatto Quotidiano come il migiior pezzo rap mai scritto in Italia… Va bene Myke, ti ringrazio tantissimo per essere stato con noi!

Grazie mille a te fratè, ciao!

Qui di seguito la Tracklist di Hocus Pocus – Black Edition

Side A
1. BANGERZ / Micionero
2. TI UCCIDERÒ ALL’ALBA / Max Zanotti
3. LO SPAZZACAMINO / Rancore
4. NO PAURA / Primo Brown
Side B
5. PRESTO! / Viro
6. HOCUS POCUS / Fabri Fibra
7. TESTA D’ARIETE / Noyz Narcos
8. IL MALE È BANALE / Diego Mancini
Side C
9. AVVOLTOI / Claver Gold, Davide Shorty
10. FULL TIME / Danno (Colle der Fomento)
11. J’TE PARLE PAS DE RAP / Rival (CNN)
12. UN GIORNO DIVERSO / Tormento
Side D
13. TUTTO GIRA COME DEVE / Turi
14. THE GRIMEY SHOW / Bassi Maestro, Rido, Supa (Sano Business) 
15. NO JOKE / Dre Love
16. EMMECOMEMOSTRI / Medda

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

“Storia di un Equilibrista”: il primo album di Massimo Stona 0 40

Chi è Massimo Stona? È un cantautore piemontese attivo dal 2008. L’anno successivo pubblica il primo EP e da lì in avanti diversi singoli, mentre continua la sua attività live e la partecipazione a vari festival.

Cosa ha fatto recentemente Massimo Stona? Nel 2017 ha iniziato a collaborare con Guido Guglielminetti, storico bassista – tra le altre cose – di Francesco De Gregori, mentre da poco ha pubblicato il suo primo album intitolato “Storia di un equilibrista“.

Che genere fa Massimo Stona? Diciamo Indie Pop con qualche influenza brasiliana. Un po’ Mannarino, un po’ Negrita, un po’ Brunori.

La title track Storia di un equilibrista apre le danze con un buon mix tra chitarra acustica e base di batteria. Le altre percussioni sembrano non amalgamarsi in modo molto naturale, ma il risultato è comunque un pezzo orecchiabile.

Nell’armadio ci introduce all’anima vagamente latin e lounge di Stona. Si aggiungono piano e percussioni per creare una canzone rilassante, con qualche piccola variazione ogni tanto per non rischiare di annoiare.

Streaming ha la giusta dose di energia e un ritornello che funziona bene.

Con Belladonna ci troviamo un altro ritornello che sa prendere. Anche gli stop improvvisi nelle strofe risultano abbastanza interessanti.

Ascoltando i primi secondi L’agio del naufragio non si può che rimanere un po’ spiazzati: cosa ci fanno queste cosine bippanti in un album del genere? Poi si torna alla normalità. Cori e voce femminile sono un’ottima aggiunta a una base musicale semplice ma efficace.

Con Troppo pigro abbiamo un cambio di ritmo che movimenta un po’ la situazione. Arrivati a metà disco c’è da dire una cosa: la voce che si abbassa in un sussurro pieno di pathos a ogni fine di verso inizia a stufare un po’.

Il suono dello shaker di Gamberi ci riporta brevemente in territorio latino, mentre le strofe della successiva Mannequin ricordano qualcosa dei Bluvertigo. Anche qui non può comunque mancare un rapido intervento di percussioni.

Il suono che richiama quello di un sonar dà il via all’omonimo pezzo – Sonar, appunto. L’ormai immancabile chitarra acustica cede il passo a una batteria e a una tastiera anni ’80. Ancora una volta è il ritornello il vero punto forte.

In Santa pazienza i suoni di pianoforte e archi si mescolano per dare vita a un lentone che non sarebbe male se non ci fosse qualche imprecisione a livello di voce.

Com’è “Storia di un Equilibrista” di Massimo Stona? È un album variegato, che spazia da uno stile all’altro, pur mantenendo in ogni traccia una stessa impronta distintiva data dalla voce e dalla chitarra acustica di Stona. In generale è ben fatto e di facile ascolto, con linee vocali e di basso ritmicamente varie e interessanti. D’altro canto non mancano alcune imprecisioni nella voce e nella chitarra, i testi peccano di rime interne un po’ facilotte (come “agio del naufragio”, per dirne una). Insomma, i margini di miglioramento sono chiari ma la base di partenza non è malvagia.

“Palasport 2019”, Daniele Silvestri annuncia il nuovo tour in vista del prossimo disco 0 49

Dopo il successo di “Acrobati“, debuttante al primo posto nelle classifiche FIMI e premiato col disco d’oro, Daniele Silvestri è in studio di registrazione per le fasi finali del suo nuovo disco, del quale ancora non si conosce il nome o la tracklist. Nonostante ciò, con dei post su Facebook e Instagram, il cantautore romano ha annunciato il nuovo tour nei palazzetti di tutta Italia per la presentazione del disco, il tutto condito da un breve teaser.

Ci sono voluti 50 anni di vita e 25 di carriera per trovare non tanto il coraggio, quanto la voglia di decidere di fare un tour nei palasport. Ho sempre amato gli spazi più raccolti, o la magia dei teatri… e continuerò a farlo. Ma ho anche sempre avuto voglia di cimentarmi con sfide diverse, e a quanto pare le nuove canzoni sembrano spingermi in questa direzione

Col titolo “Palasport 2019“, le prime date annunciate del tour – alle quali se ne aggiungeranno sicuramente delle altre – prevedono concerti nelle principali città italiane a partire da Ottobre 2019.

PALASPORT 2019 – LE DATE 

25 Ottobre – Roma, Palazzo dello Sport

8 Novembre – Padova, Kione Arena

9 Novembre – Rimini, RDS Stadium

15 Novembre – Bari, Palaflorio

16 Novembre – Napoli, Palapartenope

22 Novembre – Milano, Mediolanum Forum

23 Novembre – Torino, Pala Alpitour

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: