Uno Maggio Taranto, Diodato: “Un ritorno alla grande. Rolling Stone? Offensivo nei confronti degli artisti che si esibiranno” 0 958

Giornata di Soundcheck ieri al Parco Archeologico delle Mura Greche, dove ormai da una settimana è montato l’imponente palco che ospiterà gli artisti che si esibiranno per l’Uno Maggio Libero e Pensante, alla sua quinta edizione quest’anno. Ad organizzare l’evento tre illustri artisti: Roy Paci, Michele Riondino e Diodato. Quest’ultimo, avvicinato dai nostri microfoni, ha risposto ad un paio di domande su questa nuova edizione, sul dibattito che si terrà domani e sulle critiche mosse al Concertone autofinanziato.

Ciao Antonio! Siamo alla quinta edizione dell’Uno Maggio Libero e Pensante, un vero e proprio “ritorno” dopo la pausa dell’anno scorso: facci una panoramica di questa nuova edizione!
Beh, un ritorno alla grande direi: abbiamo un cast straordinario. Io però lo ricordo sempre, questo non è un festival musicale: è bellissimo che ci siano questo genere di artisti ed è bellissimo riuscire ad invitarli, ma la cosa fondamentale è che la musica in questa giornata è solo un mezzo per riuscire a far arrivare a più gente possibile un messaggio importante; anzi, più di un messaggio, perché ci saranno tante associazioni su quel palco – oltre al comitato, che farà sentire la sua voce. Ma Taranto diverrà specchio del Paese. Si lanceranno proposte anche a livello nazionale. Sono molto contento che tanti artisti abbiano accettato e dato nelle mani di certe realtà un megafono per farsi sentire.

Recentemente c’è stato un articolo di Rolling Stone in cui è stata criticata la line-up dell’Uno Maggio tarantino, lamentando la presenza di troppi artisti “commerciali” e un po’ carenti di contenuti. Come rispondi a questa critica?
Beh, mi sembra assurdo pensare che non vengano considerati ricchi di contenuti artisti come Brunori, Mezzosangue o Ghemon. Ma sinceramente non saprei trovare un solo artista su questo palco che sia privo di contenuti, o che sia solo un propagatore “social” – che ricordo ci fosse scritta questa cosa qui. Non condivido assolutamente ciò che stato scritto, noi siamo molto contenti, anzi l’ho anche ritenuto offensivo nei confronti degli artisti che salgono su questo palco – ma ognuno può dire la sua.”

Questa edizione del Primo Maggio, oltre ad essere la quinta in assoluto, è stata anche la prima con la nuova giunta comunale dopo le passate elezioni. C’è stato un cambiamento di rapporti col Comune, magari tramutatosi in un aiuto da parte delle istituzioni per la realizzazione dell’evento?
Guarda, ti dico semplicemente che è stato invitato il sindaco e a quanto pare non ci sarà. Non credo ci siano molte differenze col passato, ma vabbè. È giusto andare avanti con la propria lotta e magari un giorno arriverà una giunta illuminata che riuscirà a sostenere una manifestazione del genere pienamente. Sarebbe anche una cosa molto bella: siamo combattenti e sognatori assieme.

Sappiamo invece che ci sarà Emiliano, che ha accolto l’invito fattogli in occasione della conferenza stampa del Medimex. Con le ultime notizie su Tempa Rossa che non aiutano a distendere gli animi, che dibattito si prospetta?
Io sono contento che ci sia: è anche giusto venire a mettere la faccia in questi momenti delicati, e spero sia un dibattito acceso perché ancehe nello scambio di idee e di visioni del presente e del futuro ci possono essere degli scontri. Sarà sicuramente uno scambio civile, e possiamo ritenerci contenti e soddisfatti sotto questo punto di vista.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

La “reunion” degli O…esais all’Uno Maggio Taranto 0 353

È di pochi minuti fa l’annuncio, arrivato tramite la pagina Facebook dell’Uno Maggio Taranto, della reunion di una delle band che hanno segnato le estati italiane a suon di hit negli anni ’90. Stiamo parlando degli Oeasis di Toti e Tata (Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo), band-parodia dei ben più famosi inglesi Oasis di Liam e Noel Gallagher.

Già dall’annuncio del concerto di Liam Gallagher al Medimex – che si terrà sempre a Taranto – gli Oesais avevano riacquistato popolarità, con molti utenti dei social network che ne chiedevano il ritorno sui palchi in onore del grande evento che si terrà a giugno: c’è anche una petizione su Change.org per far duettare Liam con la band molfettese. Presto fatto, il Comitato dei Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, organizzatore del concerto dell’Uno Maggio, non ha perso tempo cogliendo la palla al balzo: gli Oesais ci saranno ed anticiperanno di qualche mese l’arrivo dell’ex Oasis.

Oesais uno maggio taranto
L’annuncio degli Oesais

Per chi invece non li conoscesse, gli Oesais come detto in precedenza sono una band-parodia degli Oasis: le loro canzoni sono tutte rivisitazioni dei grandi successi della band di Manchester, ma cantate in dialetto molfettese. Nascono così grandi successi come Turaist Inglais (Around the World) o 127 Abarth (Champagne Supernova), in grado di fare anche seri numeri su Youtube e creare una piccola comunità di veri “fan”.

Non sappiamo se quello che succederà sul palco dell’Uno Maggio sarà l’inizio di qualcosa di più grosso o un evento fine a sè stesso. Sappiamo però dove saremo a festeggiare la Festa dei Lavoratori: a Taranto, cantando “la madaunn du pauzz de capaurs!

Intervista ai Petralana: “La nostra è urgenza di comunicazione” 0 110

I Petralana sono una band fiorentina nata nel 2002. Nata inizialmente come cover band di Fabrizio De Andrè, presto l’esperienza live formerà il gruppo al punto da portarlo al rilascio del primo disco ufficiale, ‘Oggi Cadono le Foglie” (2011) cui seguirà un secondo disco, ‘A che ora arriva il dj?’ (2013). A distanza di sei anni i Petralana sono tornati con un nuovo disco, ‘Fernet’: un concept album ambientato nel secolo scorso che ci parla di Pietro, contadino di umili origini che, per una delusione d’amore, decide di partire verso il fronte, salvo poi disertare e rifugiarsi in America come tantissimi connazionali. Il disco diventa un’occasione per parlare di tematiche vicine al nostro tempo, tenendole collegate con un filo invisibile che è quello dell’empatia: empatizzare con Pietro per capire il dramma che molte persone, molti Pietro, vivono oggi in varie parti del mondo.
Per approfondire di più questo disco del quale consigliamo vivamente l’ascolto, abbiamo deciso di intervistare Federico Grazzini e n’è uscita una ricca chiacchierata su Fernet.

Ciao Federico! Allora, per iniziare, sappiamo che i Petralana suonano dal 2002, praticamente una carriera quasi ventennale. Raccontami un po’ cos’è successo in questi anni!
I Petralana sono una band fiorentina: la formazione originale può variare, ad esempio per ‘Fernet’ si è allargata con altri componenti, un gruppo davvero nutrito di musicisti. Abbiamo iniziato come dici nel 2002 e, prima del primo disco, c’è stato un lungo periodo di gestazione in cui suonavamo in giro per la toscana, proponendo principalmente cover. Era una band liceale, nata da un gruppo di amici, e partimmo come cover band. Nel 2011 arrivò il primo disco, ‘Oggi Cadono le Foglie’, ispirato dal ‘Barone Rampante’ di Italo Calvino; dopodiché uscì ‘A che ora arriva il dj?’, un disco diverso perché si tratta più di una serie di brani raccolti negli anni.

E così arriviamo a ‘Fernet’. Fernet riprende le origini delle vostre cover, partendo dal cantautorato di De Andrè e arrivando a scavare in fondo, fino alle sonorità medievali, accostandole però ad un suono cantautorale più moderno: ne esce fuori un concept album dal gusto un po’ retrò.
Guarda, hai visto il mio numero di telefono: è inglese, io vivo in Inghilterra da diversi anni; il tuo riferimento al medioevo è giustissimo, riprendiamo quelle che qui chiamano ‘Child Ballads’, queste canzoni di fatto folk, di tradizione anglosassone, a cui si lega tutto un filone cantautorale degli anni ’70 e che proprio De Andrè riprese nella canzone ‘Geordie’. L’idea era proprio di trovare un tema che avesse un sapore lontano, e che in qualche modo ci legasse alla routine di questo protagonista, un contadino che la mattina si alza per zappare la terra, e che riprende molto il modo di vivere di quell’epoca.

petralana intervista fernet blunote music
La copertina di Fernet

Parliamo allora di questo concept: Fernet parla di Pietro, questo ragazzo di umili origini che, dopo una delusione d’amore, decide di partire per la guerra, salvo poi disertare e salpare per l’America. Ovviamente, parlando della storia di Pietro si toccano varie tematiche come la guerra, l’amore, il viaggiare inteso come immigrazione. Qual è il tema cardine che unisce tutti questi temi?
Il tema cardine è la fuga. Quando abbiamo iniziato a lavorare su questo disco ci siamo prima di tutto domandati se fosse possibile trovare delle risonanze con il presente, creando un ponte che unisse i nostri tempi col passato. Il tema della fuga si è proposto come quello principale: il protagonista cerca di evadere da una realtà che gli sta stretta sempre più, prima attraverso il Fernet, ubriacandosi durante il lavoro, poi disertando dall’esercito che lo vuole soldato; poi dopo, appunto, imbarcandosi verso l’America: quella diventa la fuga finale del disco, rappresentata dalla canzone ‘Il Faro’.

Sappiamo anche che quest’album è legato agli scritti di due grandi intellettuali quali Pavese e Fenoglio: queste due figure, al di là di quello che le lega concretamente al disco, sono legati a temi importanti come la resistenza e l’antifascismo. Possiamo definirlo, anche in quest’ottica, un disco politico, che tratta temi particolari in un momento molto caldo?
È un disco politico, che parla di temi che riguardano il presente, ed il presente, a mio parere, sta attraversando un momento storico molto difficile. È un momento storico in cui l’umanità sta prendendo una piega pericolosa, una piega disumana. Questo disco parla di rapporti umani, di relazioni profonde, di sentimenti, di povertà, di cose umili che hanno ancora senso. È questo l’approccio che abbiamo voluto dargli: un contadino delle langhe in un momento storico in cui non prende parte alla resistenza, ma decide di andare sul fronte per una delusione d’amore. I Pavese e Fenoglio a cui abbiamo fatto riferimento sono quelli de ‘La Malora’, di ‘Paesi Tuoi’, legati a tematiche quali la condizione contadina dell’epoca e la vita sotto il padrone.”

Sicuramente è un disco che parla di memoria storica. Quanto è importante ritrovarla?
La memoria storica è fondamentale. È proprio l’urgenza di ritrovare la memoria storica che ci ha spinto a fare questo disco. Come ti dicevo, sono tempi di barbarie da questo punto di vista; la storia viene proposta ciclicamente, vengono promosse istanze razziste e denigratorie nei confronti del genere umano. È necessario recuperare la memoria storica per prendere lo slancio verso un futuro migliore, più luminoso rispetto a quello che quotidianamente la politica di oggi ci propone.”

intervista ai petralana fernet blunote music

Un altro pensiero che ho avuto ascoltando Fernet è che la musica politicamente impegnata sta venendo a mancare, direi che siete rimasti in pochi a proporla. Convieni?
Il discorso è molto soggettivo, bisognerebbe parlare con chi fa i dischi. Non posso dare un giudizio sugli intenti di chi fa musica oggi. Posso parlare per noi, e noi abbiamo bisogno di dire cose che parlino del presente e facciano riflettere. La nostra è urgenza di comunicazione. Quello che vedo io è una situazione culturale svuotata: dopo un ventennio come quello berlusconiano la gente si è abituata ad avere sempre meno contenuti, siamo tutti contenitori un po’ vuoti. Mi guardo in giro e vedo un horror vacui, non so se ho risposto alla domanda [Ride, n.d.r.]”

‘La Strada Ferrata’ è sicuramente il vostro pezzo più di successo, nonché uno dei momenti più alti e importanti di Fernet. Ho trovato una similitudine che potrebbe farti arrossire, ed è con Generale di De Gregori: il treno pieno di soldati, quello che De Gregori immagina tornare a casa, e che per voi porta Pietro al fronte. E anche le infermiere ‘che fanno l’amore’, come l’infermiera cui Pietro vorrebbe sfilare i guanti.
È giusto! [Ride, n.d.r.] Non ci avevo mai pensato; è talmente forte nel nostro immaginario quel tipo di cantautorato che riecheggia. Mi sembra un paragone calzante, La Strada Ferrata – rispetto a Generale, che apre uno spiraglio di luce – finisce con un bombardamento. Il pezzo si sgretola, e questo sgretolamento porta ad una nuova consapevolezza da parte del protagonista che accompagnerà le decisioni di quest’ultimo fino alla fine. È un momento di trasformazione fondamentale, centrale, che racconta come la guerra, il contatto diretto con la violenza, possa cambiarti e portarti maggior consapevolezza. È un pezzo che ci racconta come è difficile parlare della guerra senza viverla, ed è quello che succede attualmente. Ho attinto a dei miei momenti personali, in cui ho vissuto un conflitto, viaggiando in Siria proprio quando è esploso in quel Paese bellissimo, adesso distrutto…”

Proprio perché parli di attualità e Siria, un pezzo che mi ha ricordato molto ciò che succede oggi è Il Faro. Attuale perché ci parla dell’immigrazione, dell’attraversata in mare che avveniva ieri, all’epoca di Pietro, verso l’America, e quella di oggi verso l’Italia.
Beh, il paragone è presto fatto. Gli italiani venivano trattati in America esattamente come gli stranieri vengono trattati oggi in Italia, ovvero come bestie. Proporre queste tematiche all’ascoltatore ha l’obiettivo di empatizzare di più rispetto alle solitudini e le realtà difficile che vivono gli stranieri che arrivano. Il Faro racconta della solitudine che hanno provato gli italiani all’estero, lasciando la loro casa. Ed è una solitudine che ancora oggi molti nostri connazionali vivono, in Europa. Lo dico da italiano all’estero. La comunità italiana in Inghilterra è enorme, corrisponde ad una città italiana. So bene cosa significa trovarsi in un Paese dove non si parla la tua lingua e dov’è difficile integrarsi culturalmente. Il Faro parla di questo senso di alienazione, di solitudine.”

In conclusione volevo chiederti se questo disco lo porterete in un tour e quando sarà possibile ascoltarlo live.
Guarda, non so se ti è capitato di vedere i videoclip de La Strada Ferrata e Il Faro, appartengono ad un progetto molto ambizioso che puntava a creare uno spettacolo teatrale – e l’abbiamo fatto! Uno spettacolo composto da cinquanta minuti di animazione in stop-motion, quindi un cartone animato, ed un monologo dove diamo ulteriore voce a Pietro. Ci sono delle finestre che si aprono sulla vita di Pietro grazie alla rappresentazione di un attore. Infine, ovviamente, c’è il concerto, quindi è il momento in cui questi tre linguaggi – il video, la musica e il teatro – si fondono insieme in questo progetto, Fernet, che porteremo in Italia da quest’estate. Ci stiamo muovendo proprio per trovare dei luoghi che vogliano ospitare questo spettacolo.

Perfetto Federico, spero presto di vedervi live! Ti ringrazio molto per il tuo tempo, è stato un piacere.
Grazie a te, piacere mio!

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: