Il poetico inno alla vita di Mannarino 0 110

Sono passati quasi due anni dalla pubblicazione di Apriti Cielo, l’ennesimo capolavoro firmato da Alessandro Mannarino. Un album pieno di pretese da parte degli ascoltatori, nate dalla voglia di risentire un Mannarino puro, come quello che si ascoltava in strada e nel primo album. Non che gli altri album e i nuovi arrangiamenti siano da buttare, ma alla gente, quando menzioni Mannarino, viene subito in mente il classico canto a squarciagola. Quello che elimina i pensieri, che ti fa abbracciare gli amici da ubriaco, il canto che allieta i falò, che riporta in mente amori passati, speranze future, illusioni e messaggi scritti insieme all’alcool. Anzi: dall’alcool. Addio dignità ma sensazioni bellissime.

Credo quindi che l’essenza di questo album la si possa ritrovare nell’ultimo brano: un’estate. Un “concentrato” d’amore e di voglia di vivere che crea in me delle sensazioni assurde. Dal primo ascolto ho iniziato ad aver i brividi durante il ritornello, dal secondo a partire dal primo accordo, e la cosa che notai fu che per la prima volta nella vita, preferivo ascoltare una canzone attraverso video amatoriali piuttosto che tramite fonti ufficiali, vevo, cd, cazzi e mazzi vari. Questo perché si tratta di un brano “puro”, semplice, diretto e sincero. E il bello di questi brani è che permettono di unire 4000 sconosciuti e di renderli una persona sola – si, adesso penserete che accade in ogni concerto, ma qui per me è diverso e probabilmente si tratta di sensazioni soggettive – Mannarino e quell’unica entità chiamata “pubblico”, sinonimo di famiglia, di vita. “E daje regá beviamo tutti insieme che ci si vuole bene”: immagino così la prima frase post canzone tra gli ascoltatori (e magari scende anche Mannarino dal palco, perché non da la sensazione di uno che rifiuta una bevuta. Anzi..)

Prendete un video a caso su YouTube, fatto da un qualunque tizio che saltella e ascoltatelo. Iniziate a cantare anche voi e aspettate – con la pelle d’oca – la seguente frase: cantavamo senza paura…

Ecco, da quel momento in poi nel pubblico succede qualcosa. È come se in quell’istante ogni problema, ogni singola preoccupazione e qualunque altra cosa di negativo, si trasformi in energia e dia forza a tutti. Come una droga ma senza danni fisici e mentali, solo positività e voglia di vivere. Unendoli, dandogli quella cosa che illude e che allo stesso tempo fa stare bene: la speranza. La speranza di un’estate, la stagione dei pensieri rimandati all’autunno, con il desiderio che quel momento non arrivi mai e comunque poco importa, godiamoci il momento. O almeno proviamoci…

“Si, ho costruito una bandiera, di stracci. Ci ho messo sopra pezzi di bandiera che non si riconoscono più, sono diventati solo colori, non ci sono concetti dentro. Ci sta un pezzo di bandiera di pirati e un pezzo di stoffa del cuscino in cui ho dormito. Questo perché la bandiera italiana con i tre colori era un po’ poco, poca fantasia. Non ho mai creduto a sistemi politici che affermano di essere perfetti, migliori di altri, e allora invece di parlare di sistemi politici, mi piace pensare che la mia identità non me la da la mia carta d’identità ma me la da chi sono io umanamente. È difficile trovare la propria strada, il proprio modo di vivere, al di fuori di quello che sembra un carcere a cielo aperto, una caserma. Un modo di pensare che deve essere uguale per tutti. E tanta gente finisce male, tanti muoiono di freddo alla stazione e altri ubriaconi. E allora ho scritto una canzone che parla della ricerca, della libertà, quando stai solo in una camera d’albergo con la persona che ami, lì non c’è più niente. Si cerca l’umanità che abbiamo dentro. Tengo molto a questa canzone e attraverso essa spero in un’utopia, con un futuro che facendoci guardare indietro ci farà dire: erano tempi duri.

gridavamo senza paura…”

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

“Alone vol. 1”, l’inizio del nuovo viaggio di Gianni Maroccolo 0 608

Durante la vita si sente sempre l’esigenza di intraprendere un percorso in  solitudine, soprattutto dopo intensi periodi passati “in compagnia”. Non tanto perché si percepisce l’esigenza di allontanarsi da un contesto o perché l’attuale routine nuoce, ma piuttosto perché si sente la necessità di comunicare qualcosa in prima persona, attraverso un “proprio” lavoro, con le proprie forze e con il personale modo di comunicare. Dimostrando nuovamente a sé stessi e poi agli altri cosa siamo capaci di fare. In realtà Gianni Maroccolo (in arte Marok) è un musicista, compositore, produttore discografico e “scopritore di gemme rare” che non deve dimostrare nulla a nessuno, perché il suo trascorso fa capire abbastanza. Essendo questa una recensione musicale e non una pagina di Wikipedia, mi limiterò a elencare soltanto parte del suo “vissuto”: Litfiba (1980-1989); CCCP (1990); CSI (1992); Per Grazia Ricevuta (2002); Marlene Kuntz (2004); Ivana Gatti (2005). Probabilmente avrò omesso qualcosa – si tratta dei pochi artisti “multitasking” italiani, in grado di fare mille cose in una volta. Produrre, comporre, suonare – e un esempio è il progetto sperimentale dei Beau Geste nato parallelamente al periodo Litfiba, o la produzione del primo album dei Timoria (Colori che esplodono, 1990), ma questo è comunque abbastanza per dichiarare il nostro Marok – concedetemi il termine “nostro”, sia per senso di appartenenza territoriale, sia perché chi ha contribuito così tanto in una determinata scena musicale diventa di diritto un patrimonio da salvaguardare, e quindi “nostro; di tutti” – come un pezzo importante della storia rock indipendente italiana.

La fase solista di Gianni Maroccolo inizia nel lontano 1996, con la composizione di una colonna sonora per il film “Escoriandoli”, insieme a Francesco Magnelli. Nel 2004 pubblica il suo primo disco: “A.C.A.U La nostra meraviglia”, affiancando a sé artisti come Battiato, Manuel Agnelli, Giovanni Lindo Ferretti, e tanti altri. Non si ferma, e nel 2013 pubblica “Vdb23/Nulla è andato perso”, un album – creato insieme a Claudio Rocchi, uno dei maggiori esponenti del rock psichedelico e progressivo italiano – che sicuramente lo ispirerà e lo influenzerà per il lavoro che stiamo per introdurre: Alone vol.1, il suo secondo progetto solista, un percorso unico e senza fine articolato come una serie tv. Con episodi pubblicati ogni sei mesi – il 17 dicembre e il 17 giugno – con la parte grafica curata da Marco Cazzato e la narrazione dallo scrittore e critico musicale Mirco Salvadori.

Alone vol.1 quindi non è un semplice album e c’era da aspettarselo. Marok durante il suo percorso musicale ha avuto numerose influenze, ha collaborato con i migliori del circondario e oltre ad essere musicista è anche produttore e compositore. Sarebbe stato troppo banale.
Definito “disco perpetuo”, si tratta di un lungo viaggio accompagnato da ritmi ipnotici, tribali e psichedelici, con pause semestrali per ricaricare le forze e fare benzina. Un po’ come le serate in comitiva dei “migliori anni della nostra vita”: quelle che vorresti non finissero mai e che per fortuna finiscono perché sennò qualcuno potrebbe lasciarci la pelle. Gli esempi ovviamente non hanno lo stesso peso, ma a parer mio 50 minuti in totale per sei brani – strumentali al 75% e con un sound che non è per tutti – sono la dose giusta da somministrare.

Come in ogni viaggio, si incontra sempre qualcuno per una chiacchierata o semplice compagnia. Durante questo cammino i “passanti” che spiccano – oltre agli eccellenti musicisti che hanno dato un “aiuto” – sono due: Jacopo Incani (in arte IOSONOUNCANE) e Stefano Rampoldi (meglio noto come EDDA).
Marok, insieme a Jacopo, ci porta in un grande rave party nella tundra, con sound tribali, percussioni che introducono un “delirio elettronico” a metà brano e che lasciano spazio a un finale più “soft” e ipnotico. Con i suoi 17 minuti, tundra è il brano più lungo del lavoro e il secondo in ordine cronologico. Magari è proprio il luogo scelto per questo viaggio infinito, o il “mood” che vorrebbe far risaltare di più, o probabilmente niente di tutto questo. Però mi piace pensare che dietro ci sia sempre qualcosa, senza sguardi sospettosi o malizie varie.
In compagnia di Edda ci affascina con un ritmo induista, tra sitar – suonati da Beppe Brotto – sound psichedelici e “mantra di buon auspicio”. Si parla del brano l’Altrove, il quarto dell’album, che fa pensare molto – si, lo so, si tratta di induismo e non di buddismo –  alla “luce”, ricercata nel libro tibetano dei morti, cult della filosofia buddista e fonte d’ispirazione del maestro Franco Battiato. Un altrove anticipato da un preludio, da una fase che preannuncia l’andare oltre. Un’introduzione rappresentata da un brano, il terzo: l’altrove preludio. Un prologo che fa pensare al John Frusciante periodo Ataxia, o al Thom Yorke periodo “Thom Yorke”. Costituito anch’esso da quel sound orientale che caratterizza il quarto brano, e come poteva essere altrimenti. Un lavoro molto più soft, più lento, con una voce che sembra voler accompagnare un lungo cammino verso una porta, verso quella luce. Quasi un “uomo in marcia sul miglio verde” ma con più positività e con un finale migliore.

Il brano che da inizio a questo lungo percorso spirituale e psichedelico si chiama Cuspide. Una traccia noise, ruvida e a tratti malinconica, con una chitarra acustica utilizzata per introdurre un potente crescendo strumentale, che in seguito andrà a svanire per lasciare spazio a un fade to black musicale e “ventoso”. Invece, il secondo cantato tra i sei si trova in Sincaro, un lavoro molto new wave, a tratti ruvido e sinfonico, accompagnato dalla voce profonda di Luca Swanz Andriolo usata per introdurre un affasciante strumming , dalla tromba mariachi di Enrico Farnedi per un finale perfetto, e dal ricordo – come in tutto l’album –  di una persona scomparsa: Claudio Rocchi, il già menzionato protagonista assoluto del rock progressivo italiano, compagno di band di Marok e soprattutto amico. Scomparso prematuramente nel 2013.

Questa prima parte di viaggio si ferma con Alone to be continued, un brano costituito da un titolo che lascia spazio all’immaginazione, a quello che verrà dopo. Una traccia che ha fatto dell’elettronica il suo pilastro principale, fondamentale in un viaggio del genere, quasi spaziale, mistico. Un lavoro che annulla il tempo, che ci fa rivivere il passato – il giovane compositore elettronico toscano – il presente – un uomo che si conferma tra i grandi del panorama italiano – e il futuro. Con un inizio del genere non potrà che esserci un seguito altrettanto grandioso.

Alone non è un album. Alone è Gianni Maroccolo.

Lo smacco infame di Noisey Italia ad Anastasio 0 732

Molti si staranno preparando per la finale di stasera di X Factor, tra chi dovrà recarsi al Mediolanum Forum e chi, fra mille difficoltà, cerca di organizzare una pizzata con gli amici “a casa di quello con Sky”. Ad accompagnare i quattro finalisti, stasera, ci saranno anche i Muse e Marco Mengoni, ospiti d’eccezione per un evento che, ormai annualmente, sforna le future pop-star italiane.  E possiamo stare qui giorni, settimane o anni a discutere dell’etica di un programma del genere, di quanto possa o non possa essere trash dentro e di come ha cambiato – in negativo o in positivo – i connotati del panorama musicale nostrano. Ma sono discorsi che andrebbero affrontati parallelamente allo svolgimento del talent show, se non altro per non intaccare quella che resta a tutti gli effetti una competizione, e per non peccare di deontologia, che nel nostro lavoro dovrebbe essere fondamentale. Ecco, è proprio la deontologia che, a quanto pare, manca nella redazione di Noisey Italia.

Da quando è iniziato X Factor, infatti, gli articoli di Noisey sul programma si sprecano. E se non bastassero quelli contro i Maneskin, vincitori morali della scorsa edizione, ad aggiungersi alla lista vanno quelli contro Anastasio, cantante ancora in gara nella finale di stasera di XFactor, cui Noisey aveva già dedicato un pezzo abbastanza pesante poco più di due settimane fa. Non contenta, la redazione targata Vice ha deciso questa mattina di pubblicare un altro articolo – degno, per contenuti, più di “Cioè” e “Donna Moderna” che di una rivista musicale – sulle preferenze politiche di Anastasio, abilmente estrapolate dai “mi piace” del rapper ad alcune pagine di Facebook col suo profilo privato (non, quindi, la pagina da artista), tra le quali spiccano “CasaPound” e “Matteo Salvini”. Tralasciando adesso, più per pietà che per altro, quanto possa essere ridicolo giudicare – ed anche solo avere la presunzione di farlo – qualcuno dai like su Facebook, ma davvero nella redazione di Noisey non si poteva aspettare un giorno di più per pubblicare la loro – personalissima, sottolineerei – deduzione su Anastasio? Certo che no, perché stasera c’è la finale.

Pare quindi evidente che dietro la pubblicazione di quell’articolo ci fosse il cosciente intento di destabilizzare le votazioni di stasera, e quale modo migliore di farlo se non mettendo in mezzo la politica in un momento storico in cui le divergenze politiche sono accentuate più che mai? Una mossa, quella di Noisey, definita da molti utenti della rivista stessa come “infame”, proprio perché arrivata il giorno stesso della finale, e soprattutto dopo un articolo in cui si criticava l’artista. Una vera e propria campagna denigratoria, quella messa in atto dalla redazione. Senza contare la totale superficialità con la quale si è arrivati al ragionamento logico “Like su facebook = idee reali”. Non fosse solo che quel profilo siamo andati a controllarlo anche noi e tra i like di Anastasio – ammesso e non concesso che sia il vero profilo del rapper – spunta, tra le mille pagine di meme come qualsiasi ventenne medio, un like alla pagina “Luigi De Magistris”, che sinceramente tutto mi sembra fuorché uno di destra. E ancora, in un commento, è lo stesso profilo a sottolineare come l’emergenza immigrazione sia un “Fenomeno non inventato ma esaltato e montato fino al ridicolo”, non proprio le stesse esternazioni ripetitive dei salviniani che conosciamo tutti (cfr. commenti su Matteo Salvini, es: “aiutiamoli a casa loro”, “ci stanno sostituendo“).

Smentita – o, quantomeno, prendendone in considerazione l’estrema fallacia – la tesi di Noisey sull’orientamento politico di Anastasio, ci viene naturale rivolgere un invito alla redazione stessa del magazine a fare un passo indietro, chiedendo scusa in primis ad Anastasio, ed in secondo luogo ai propri lettori. Perché certe schifezze fanno solo male al giornalismo italiano, di qualsiasi forma esso possa essere, in un periodo in cui è costantemente sotto i riflettori ed aspramente criticato per vicissitudini legate alla politica stessa. Chiedere scusa è una cosa di sinistra, caro Noisey, e, in questo caso, un dovere.

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: