No, il Monopoli non userà Massimo Pericolo allo stadio 0 709

Come tutti ben sapranno, un paio di settimane fa la società del Monopoli Calcio, la squadra della piccola cittadina barese, tramite un sondaggio su Facebook, ha chiesto ai propri tifosi quale canzone volessero suonasse allo stadio per festeggiare i gol dei propri beniamini. Ovviamente, essendo internet un posto dove difficilmente la gente non si lascia prendere la mano, al ballottaggio sono arrivate due canzoni “inaspettate”: ‘7 miliardi’ di Massimo Pericolo e la sigla di Evangelion. Alla fine è stato il rapper varesino a spuntarla con qualche manciata di voti in più.

La notizia, ovviamente, è stata ripresa da varie testate, anche importanti e che nulla centrano col calcio, come ad esempio Vice. Nonostante ciò, i nostri colleghi non sono riusciti a far trapelare nulla dalla società sull’eventuale decisione in merito. Così, visto che ogni tanto ci ricordiamo di essere affiliati ad un sito, blunote.it, che parla prevalentemente di calcio, abbiamo deciso di contattare l’addetto stampa del Monopoli per chiedere delucidazioni.

Purtroppo, lo diciamo subito: non sentiremo Massimo Pericolo al Veneziani di Monopoli in occasione delle reti dei biancoverdi, con buona pace dei monopolitani fan del rapper. Infatti Marco Amatulli, addetto stampa del Monopoli, ci ha espressamente detto che “No, abbiamo creato un po’ di movimento, ma alla fine le due canzoni saranno usate per altro“. Allo stesso tempo, però, dalla società fanno sapere che ci saranno altri sondaggi per coinvolgere i tifosi in decisioni simili, visto l’enorme successo ottenuto con quest’ultimo.

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Faber Nostrum, la scena italiana canta De Andrè 0 371

È uscito Faber Nostrum (Sony Music / Legacy Recordings), l’album tributo a Fabrizio De Andrè, che vede la partecipazione speciale di alcuni dei nomi più influenti della nuova scena musicale italiana. « Sono senza dubbio favorevole a rivisitazioni che comportano scelte coraggiose e quasi spericolate, per poi scoprire, piacevolmente, che hanno ragione di esistere – commenta Dori Ghezzi – Del resto, anche Fabrizio sentiva di volta in volta l’esigenza di sperimentare e innovarsi cercando di non ripetere se stesso. Queste operazioni oltretutto ci confermano che c’è sempre un forte punto di congiunzione e comprensione fra più generazioni e diversi linguaggi». Il disco vede la partecipazione di alcuni dei nomi più influenti della nuova scena musicale italiana, dai Canova agli Ex-Otago, passando per Motta, La Municipàl e gli Zen Circus.
Faber Nostrum è disponibile al link: https://SMI.lnk.to/FaberNostrum

faber nostrum de andrè
La copertina di “Faber Nostrum”

Di seguito la tracklist completa dell’album:

Gazzelle – Sally

Ex-Otago – Amore che vieni, amore che vai

Willie Peyote – Il bombarolo

Canova – Il suonatore Jones

CIMINI feat. Lo stato sociale – Canzone per l’estate

Ministri – Inverno

Colapesce – Canzone dell’amore perduto

The Leading Guy – Se ti tagliassero a pezzetti

Motta – Verranno a chiederti del nostro amore

La Municipàl – La canzone di Marinella

Fadi – Rimini

The Zen Circus – Hotel Supramonte

Pinguini Tattici Nucleari – Fiume Sand Creek

Artù – Cantico dei drogati

Vasco Brondi – Smisurata preghiera

La “reunion” degli O…esais all’Uno Maggio Taranto 0 611

È di pochi minuti fa l’annuncio, arrivato tramite la pagina Facebook dell’Uno Maggio Taranto, della reunion di una delle band che hanno segnato le estati italiane a suon di hit negli anni ’90. Stiamo parlando degli Oeasis di Toti e Tata (Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo), band-parodia dei ben più famosi inglesi Oasis di Liam e Noel Gallagher.

Già dall’annuncio del concerto di Liam Gallagher al Medimex – che si terrà sempre a Taranto – gli Oesais avevano riacquistato popolarità, con molti utenti dei social network che ne chiedevano il ritorno sui palchi in onore del grande evento che si terrà a giugno: c’è anche una petizione su Change.org per far duettare Liam con la band molfettese. Presto fatto, il Comitato dei Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, organizzatore del concerto dell’Uno Maggio, non ha perso tempo cogliendo la palla al balzo: gli Oesais ci saranno ed anticiperanno di qualche mese l’arrivo dell’ex Oasis.

Oesais uno maggio taranto
L’annuncio degli Oesais

Per chi invece non li conoscesse, gli Oesais come detto in precedenza sono una band-parodia degli Oasis: le loro canzoni sono tutte rivisitazioni dei grandi successi della band di Manchester, ma cantate in dialetto molfettese. Nascono così grandi successi come Turaist Inglais (Around the World) o 127 Abarth (Champagne Supernova), in grado di fare anche seri numeri su Youtube e creare una piccola comunità di veri “fan”.

Non sappiamo se quello che succederà sul palco dell’Uno Maggio sarà l’inizio di qualcosa di più grosso o un evento fine a sè stesso. Sappiamo però dove saremo a festeggiare la Festa dei Lavoratori: a Taranto, cantando “la madaunn du pauzz de capaurs!

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: