Wallride Festival: il palco più divertente di sempre 0 241

Sabato 27 siamo stati al Wallride Festival di Altamura, uno dei maggiori festival di Street Culture in Italia che si tiene annualmente nella “Città del Pane” dal 2015. Per l’occasione, sabato, eravamo proprio sul palco ad ascoltare i concerti di Gomma, Ketama e Noyz Narcos. Oggi possiamo dirvelo: è stato uno dei palchi più divertenti su cui siamo mai stati.

Il festival ha aperto i cancelli al suo pubblico già dalle 10 di mattina, all’interno dello stadio comunale di Altamura, dal quale l’hip hop fuoriusciva anche dai muri: tra rampe da skate, stand delle più grandi marche di streetwear, contest di breakdance, odore di Montana e campi di pallacanestro, Altamura si è trasformata in un piccolo Bronx per divulgazione culturale. E i concerti della sera non sono stati affatto da meno.

wallride festival gomma noyz ketama blunote music

Start ore 21 con i Gomma. La band di Caserta porta sul palco un live di quarantacinque minuti anche se, dobbiamo dire, con non troppo entusiamo, complici forse un paio di pirla in prima fila che urlavano sfottò con accento napoletano. Non fraintendeteci: che i Gomma siano un po’ timidi e freddi, in pieno stile punk, lo sappiamo; è il loro personalissimo modo di portare la musica dal vivo ed è un mood che va a braccetto con il loro sound. Ilaria parla poco, annuncia giusto Elefanti e un altro paio di brani, ringrazia il fonico e saluta il pubblico prima dell’ultimo pezzo. A prescindere, i Gomma restano una delle realtà più forti del momento, in grado di portare live tutta quella ribellione che si annida nei loro testi: pirlas a parte, l’esecuzione è stata una bomba.

wallride festival gomma blunote music

Al lato dello stage intanto arriva Ketama, scambia due chiacchiere con un paio di persone nel pubblico e rientra dietro – giusto il tempo per farci un dito medio nelle storie di Instagram prima di salire sul palco del Wallride Festival e aprire con Angeli: alla fine del brano invita anche il pubblico a guardare il film con Marin Scorsese da cui è tratta la citazione finale, Mean Street. Il live procede liscio e ci si rende subito conto del perché Kety sia diventato in poco tempo uno degli artisti più importanti della scena trap italiana: l’attitudine a stare sul palco come se fosse il divano di casa propria, la verità che trapela dai suoi testi e la genuinità di chi non vuole regalare al pubblico un’immagine diversa dalla realtà, lo rendono uno dei cantanti più ricercati della scena; e infatti, maglia a righe nere e bianche, ciabatte che fan pendant e calzino bianco: come detto, il palco o il divano non influiscono. Ketama è Ketama, il vero, sempre e comunque. Il pubblico lo sa e risponde al meglio: Rehab, Misentomale, Baby Droga Freestyle e Piccolo Kety vengono accolte con entusiasmo dai circa trecento spettatori e Piero non si fa mancare nulla, neanche un bagno di folla sul suo cavallo di battaglia: Lucciole. Così, alle 23, dopo altri quarantacinque minuti, anche un pezzo di questa serata finisce; ma solo per poco, il tempo fare spazio a chi, da anni, calca i maggiori palchi italiani.

wallride festival ketama blunote music

Noyz Narcos – come si suol dire – non ha bisogno di presentazioni: è una garanzia a partire dal nome. Il suo ultimo disco, Enemy, certificato disco d’oro dopo una sola settimana, ha riconfermato il trend del king del rap italiano. Aspettavamo di vedere Noyz live da parecchio tempo, come molti suoi fan. A rendere ancor più pesante l’attesa è il possibile ritiro dalle scene del rapper alla fine del tour, come precedentemente annunciato – almeno nelle intenzioni. Ovviamente, noi sul palco abbiamo visto uno degli artisti più in forma del momento che ha ancora molto da dire, sostenuto dalle basi di un mostro sacro come Dj Sine. L’apertura viene affidata ad Inri, open-track dell’ultimo disco, accolta con un’ovazione da parte del pubblico schiacciato sulla transenna. Noyz le spara una dopo l’altra: Alfa Alfa, Mi Casa, R.I.P., Sinnò Me Moro, Non Dormire e Training Day con tanto di intro; si concede anche un piccolo siparietto in dialetto barese prima di continuare a tirare dritto fino alla fine del live. Poche smancerie e tanta cattiveria passano dal microfono del rapper romano; qualcuno gli fa i complimenti per le scarpe tra una canzone e l’altra, Emanuele ride e chiude il concerto.

wallride festival noyz narcos blunote music

Noi non sappiamo se questo sarà l’ultimo tour der Noyz; quello che sappiamo è che sabato, sul palco del Wallride Festival, abbiamo assistito alla rappresentazione fisica di un manifesto generazionale: perché i Gomma, Ketama e Noyz Narcos sono i campioni in carica dei rispettivi generi e ci vorrà davvero molto tempo prima che le cose cambino. Fortunati i presenti.

Un’anteprima della nostra galleria:

Si ringrazia tutta l’organizzazione del Wallride Festival e gli staff degli artisti.
Foto a cura di Greta Odone.
Guarda il report fotografico comprendente oltre 40 foto dal nostro album di Facebook!

Previous ArticleNext Article

Lascia un commento

Intervista ai Quadrophenix: “Paraponzi il nuovo disco” 0 163

I Quadrophenix nascono a Taranto nell’estate del 2006. Dopo dei primi anni travagliati, alla ricerca della propria identità, la band tarantina vira verso un genere più scanzonato e ironico, mantenendo intatta la base pop-rock/twist sul quale viene fondata. Dalla fine di giugno è in radio il loro nuovo singolo, “Mai Più”, che anticipa il loro primo album in studio, “Paraponzi”, uscito proprio oggi. Noi abbiamo incontrato la band qualche giorno fa proprio per farci una chiacchierata su questo loro primo disco, parlando dei motivi che li hanno spinti a buttarsi nella mischia e sui progetti futuri, con un nuovo disco già pronto.

Ciao ragazzi! Rompiamo un po’ il ghiaccio: parlatemi di voi!
La cosa più importante da dire pensiamo sia che nel 2006 è nata la band. Prima facevamo una roba molto inglese, di ispirazione Gallagheriana; abbiamo poi cambiato impostazione, passando all’italiano. Quando ci siamo accorti di essere dei cazzari abbiamo spostato il modo di scrivere su un genere un po’ più allegro, ironico. È cambiata anche la formazione, stabile da cinque anni a questa parte.

quadrophenix intervista blunote music

Come mai la scelta di intraprendere questo percorso più ironico, alla Elio e Le Storie Tese?
Guarda, io credo che la nostra musica sia seria! [Ride, n.d.r.] No, davvero… quello che penso è che fin quando tu scrivi rispettando quello che sei, quello è fare musica sul serio. Che non vuol dire scrivere i testi di Tenco e neanche quelli degli Skiantos. Se hai qualcosa da dire, dilla. E che sia vera. Se fatto solo per apparire, come lo era in principio – quando appunto suonavamo britpop, senza un senso – è sbagliato.

Dal 2006 ad oggi è passato davvero tanto tempo e, anche con un disco in dirittura d’arrivo, sembra comunque un’eternità. Va bene il cambio di sound, va bene il cambio di formazione, ma come mai nessuna pubblicazione in quest’arco di tempo?
Eh, penso tu ci abbia azzeccato in pieno. [Ride, n.d.r.] La questione è questa: nel 2006 esisteva My Space. Io avevo vent’anni, e vent’anni nel 2006 sono diversi dai vent’anni di oggi. Eravamo più ingenui, più genuini. Internet non era così radicato. Quando dico che esisteva My Space intendo un mondo diverso: su My Space avevi fra le amicizie Dodò, l’ingegner Filini… Era una visione del social diversa. E così cambiava anche il modo di intendere la musica, completamente diverso da oggi. Qualcosa la pubblicammo, ma non andò oltre la cerchia dei nostri amici – e noi siamo stati bravi ad approfittarne per far sparire tutto [Ride, n.d.r.]. Allo stesso tempo, l’album che siamo in procinto di pubblicare [Paraponzi, n.d.r.] è vecchio, risale al 2012, e non lo pubblicammo perché mancava l’etichetta: nel 2012 era fondamentale avere un’etichetta per pubblicare. Questo per far capire come siano cambiate le cose: oggi, nel 2019, grazie ad internet, puoi permetterti di pubblicare un disco anche senza etichetta. Ma oltre questo c’è anche altro: la verità è che stiamo disperatamente provando a pubblicare il primo disco quanto prima perché ne abbiamo già un secondo pronto!

Andiamo con ordine allora: di cosa tratta Paraponzi?
Beh, trattandosi di un disco scritto qualche anno fa, è sicuramente molto scanzonato. Rispecchia l’età che avevamo allora, gli anni dell’università, le prime libertà lontano da casa… è molto solare, prevalentemente. Molto diverso rispetto, ad esempio, al secondo che abbiamo in cantina. Per farti capire: stiamo disperatamente cercando un titolo per il secondo disco, e fra quelli che abbiamo pensato c’è “The Dark Side of the Mood”. Questo perché ha proprio un approccio diverso rispetto al nostro tradizionale modo di fare. Però è anche un’evoluzione rispetto al primo disco, motivo per il quale vogliamo pubblicarli comunque entrambi senza fare balzi in avanti. Vogliamo dare dei punti di riferimento all’ascoltatore.

quadrophenix intervista blunote music copertina paraponzi

Trattandosi però di un disco scritto nel 2012, in un periodo, come dite voi, completamente diverso – ed eravate diversi anche voi – e che non rispecchia la realtà odierna, c’è stato sicuramente il bisogno di un lavoro di revisione. Come siete riusciti ad attenuare queste problematiche in vista del lancio?
La risposta è semplicissima: con l’amore. [Ridiamo, n.d.r.] Pensavi di metterci in difficoltà, ma ci hai tirato un assist fantastico. No, scherzi a parte: se in “Mai più” [il singolo, n.d.r] ci sono alcuni riferimenti, all’interno del disco non troverai mai le parole “selfie”, “facebook”. Il disco ti racconta un mondo più genuino, qualcosa che esiste anche nel 2019 ma che è solo più difficile da trovare. E parla soprattutto di amore, qualcosa che ci sarà sempre.”

La vostra musica si ispira molto alla Surf Music anni ’60 – quella dei Beach Boys per intenderci. Questo è sicuramente vero per i due brani già pubblicati, ma è così anche per il resto del disco?
’’Mai più’ sicuramente. Il resto dell’album si rifà a quel sound, ma essendo un prodotto del 2011/2012 cerca di avere le sonorità radiofoniche del tempo – nel contesto radio-pop nazionale ancora non era arrivato prepotentemente il rap a fare da padrone, andava un po’ di tutto. Che poi, radiofonico è un termine un po’ stuprato, come ‘indie’. Questo per dire che per me è un disco radiofonico, per altri magari no, perché è diventato quasi soggettivo.

Mentre nel secondo disco, invece, il sound è rimasto invariato o avete fatto altro?
Abbiamo fatto peggio! [Ride, n.d.r.] Ci siamo concentrati su quello che ci piace fare. La verità è che ci siamo detti ‘ma chi ce la fa fare’ di seguire uno schema, una moda… facciamo quello che ci piace! Abbiamo azzardato di più, se Paraponzi ha una sua coerenza, il secondo disco è un puzzle: c’è il pezzo più psichedelico, quello più pop.

Siamo in conclusione: pensate di lanciare un secondo singolo dopo l’uscita?
C’è una grossa diatriba all’interno della band su questo. Pensiamo di sì, vogliamo vedere sicuramente come va il disco e il singolo già pubblicato, ma abbiamo già individuato quello che potrebbe essere il prossimo singolo, ‘Nuvole’. Comunque sia, vogliamo fare qualcosa per poi pubblicare il nuovo disco.

Perfetto ragazzi, vi ringrazio molto!
Grazie a te!

“Alone, Vol. 2”: Maroccolo ci porta nell’Abisso 0 402

“Trattieni il respiro, Deepesh, trattienilo all’infinito, ce la farai, in fin dei conti hai una lunga frequentazione con la morte. Non cedere, trattienilo, non badare agli altri, non guardare il bianco dei loro occhi che esplode nel nero della notte. Trattieni la vita, piccolo uomo, non aprire i tuoi polmoni, non tentare di respirare! NO! E il mare, nero e spumante denso catrame, spalanca le fauci: ingoia, spezza e ghermisce il respiro, accartocciandolo nel sibilo atroce della resa alla morte”

(Mirco Salvadori)

Il 17 giugno scorso Gianni Maroccolo ha “sfornato” il capitolo due del suo lungo e intenso percorso: Alone, Vol 2ABISSO. Il lavoro fa parte di un tragitto molto lungo iniziato sei mesi fa, il 17 dicembre 2018; ed è definito dallo stesso autore come un “disco perpetuo”. Un lungo, infinito e sperimentale cammino che si “fermerà” – per modo di dire – due volte l’anno: il 17 dicembre e il 17 giugno. Questo secondo progetto, arricchito come sempre dalle illustrazioni di Marco Cazzato, dalla “penna” di Mirco Salvadori e dalla supervisione di Alessandro Nannucci (aka. Il Tozzo), si impronta sul tema dell’acqua; sull’abisso, quel misterioso luogo che suscita allo stesso tempo paura, mistero e fascino.

Se dovessi riassumere Abisso in cinque termini – e probabilmente cinque lo sminuirebbero – non potrei fare a meno di definirlo come affascinante, tenebroso, visionario, riflessivo e sperimentale. Il fascino del passato che riecheggia nel presente, attraverso la scelta di intitolare i brani in latino; brani che, nel loro insieme, ruotano attorno a Imus, che in latino significa sia “andiamo” che “profondo”. Verso l’abisso, verso le tenebre, verso un luogo buio che non è altro che l’altra faccia di questa medaglia che definiamo “terra”; perché dovrebbe farci paura se in fondo le tenebre e i misteri ci sono anche “dall’altra parte”?

Questo strumentale e sperimentale percorso parte dal naufragio della F174avvenuto la notte di natale del 1996 al largo di Porto Palo di Capo Passero – in cui morirono 283 persone. Un evento che ha dato l’ispirazione per creare un’odissea sonora in chiave musicale; un riflessivo insieme di “schiaffi” tramutati in onde sonore che restituiscono a chi ascolta i vari momenti di disperazione vissuti dai migranti; dall’annegamento al momento in cui si va oltre.

maroccolo alone vol. 2 abisso copertina recensione blunote music
La copertina di “Alone, Vol. 2 – Abisso”

L’intero progetto musicale è diviso in due parti: Lato A e Lato B. Aditus è lo strumentale che dà inizio alle danze, un intro in forma di bolerino cadenzato che funge da filo conduttore con il finale del volume 1; e come per il primo, lo stesso Imus dà, attraverso il suo visionario e impeccabile sound, le giuste note e temi per rendere coerente l’inizio del b-side. Quest’ultima parte “virtuale” del progetto vede la presenza di prestigiosi musicisti al fianco di Marok; collaboratori che con le loro sfumature musicali hanno fornito i tasselli necessari per ripercorrere in senso inverso la discesa verso l’abisso del lato A.

Il b-side, composto da sette tracce, è il risultato di un insieme di variegate influenze musicali che hanno saputo cogliere il tema principale in maniera impeccabile. Discessio apre le danze attraverso la batteria di Marina Rei, si riallaccia all’ultima traccia del lato A e, attraverso un ritmo e un mood punk, introduce l’unico brano con un titolo non in latino – nonché l’unica cover dell’album -: “The Abyss” (Chelsea Wolf), interpretato dalla profonda voce di Angela Baraldi. Il terzo brano, Submersio, è un affascinante interpretazione sonora del tema centrale dell’album; concretizzato grazie al piano solo di Alessandra Celletti, attraverso un’esegesi intensa e sofferente del lungo percorso che Abisso vuole narrare. Naufragium vede la chitarra di Adriano Viterbini (BSBE) affiancata dai corti dei Life in the Woods e Aetatis Progressu funge da “sound spezza-mood” attraverso il groove e le basi sonore di Howie B e ai versi di Francesca Bono. Il penultimo brano (Cursus) è un dialogo con il mare, con le voci disperate dei naufraghi, con le loro storie e il passato che vorrebbero lasciare alle spalle; un racconto che solo un contrabbasso, con la sua profondità, può concretizzare; come quello di Andrea Cavalieri.

Cavalieri introduce l’ultima traccia, quella che chiude questo secondo capitolo: “Exitus”. Un lavoro che rivede la batteria di Marina Rei e che è introdotto dagli archi di Beppe Brotto. Il brano parla del momento della riemersione, del nastro che si riavvolge, del ritorno alla vita. “Una vera e propria supplica affinché il viaggio verso l’abisso della F174 sia d’ora in avanti un viaggio verso la vita garantito ad ogni essere umano”.

Ed è proprio questa seconda parte, il b-side, che fa risaltare davvero il visionario che vive all’intero di Gianni Maroccolo. Un musicista con un lungo trascorso musicale che ha saputo evitare la fossilizzazione di chi ha vissuto un determinato periodo storico (musicalmente parlando); che ha colto anno dopo anno l’ispirazione necessaria per dare qualcosa di nuovo, senza cadere nella banalità o nel ripetitivo. Attraverso questo “disco perpetuo” ha quasi dimostrato di saper prevedere il futuro; oggi più che mai, a quasi un mese dalla sua pubblicazione, è necessario che tutti capiscano il messaggio che Marok vuole comunicare.

“Narro la morte perché amo la vita e tutti gli esseri viventi sul nostro pianeta”

Gianni Maroccolo

Argomenti popolari

Editor Picks

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: